Books

L’ultimo di noi – un romanzo tra presente e passato

L'ultimo di noi a New York
L'ultimo di noi - la copertina
L’ultimo di noi – la copertina

L’autrice: Adélaïde de Clermont-Tonnerre

Intanto parliamo dell’autrice de “L’ultimo di noi”. Lei è giovane 44 anni, e a meno che non ne avete 18, anche voi come me la considerate giovane ! Bella donna..bionda capelli lunghi, magra ma di una magrezza non esagerata quella magrezza che può essere definita normale e comunque raggiungibile da chiunque. Sangue nobile, non so precisamente di che grado ma, nipote da parte di mamma della Principessa Isabella di Orleans.
Dopo la laurea inizia la sua carriera nel mondo del settore bancario e finanziario prima di capire che la sua strada era il giornalismo. E’ membro della commissione sull’immagine della donna nei media

Il suo primo libro pubblicato nel 2010 intitolato Fourrure ha vinto diversi premi in Francia.
Nel 2016 pubblica appunto L’ultimo di noi. La critica è positiva. Vince anche qui diversi premi il più importante è il Gran Prix du roman de l’Académie Française. http://www.academie-francaise.fr/grand-prix-du-roman

Una piacevole sorpresa

Ricevo questo libro come regalo di Natale. La persona che me lo ha regalato lo aveva visto in libreria nella sezione «appuntamento al buio con un LIBRO ». In pratica in questa libreria (credo anche famosa) c’è un angolo in cui si possono trovare dei libri già incartati. Sulla carta si trovano degli « indizi » sul contenuto/genere del libro. Così a Natale 2019 ho ricevuto il mio primo « libro al buio », gli indizi erano : struggente, emozionante, travolgente. Poi vi era scritta anche una sorta di dedica all’ipotetico lettore : «A te che ami farti trascinare da destini straordinari ». Questa idea del « libro al buio » mi piace, secondo me si può fare con una persona che conosci bene. Questo libro, comunque rimane sulla libreria per parecchi mesi e poi arriva il Coronavirus ed arriva il lockdown e inizio a leggerlo.

L'ultimo di noi - Libro al buio
L’ultimo di noi_libro al buio_carta regalo

L’ultimo di noi – semplice ed avvincente

L’ultimo di noi  si legge benissimo, è scritto in modo chiaro e particolarmente scorrevole nonostante sia di circa 380 pagine si legge benissimo, è scritto in modo chiaro e particolarmente scorrevole nonostante sia di circa 380 pagine. E’ un libro pieno di sentimenti, ma non è assolutamente sdolcinato o mieloso. Pieno di sentimenti intendo dire che ci sono racchiusi molti degli affetti più cari che, ognuno di noi può avere nella propria vita. C’è il sentimento tra un ragazzo e una ragazza, quello di una figlia verso una madre, l’affetto che lega un fratello ad una sorella. Ci sono le emozioni, quelle che tutti noi proviamo ogni giorno : la gelosia, la paura, l’ansia, la felicità, il sospetto, la delusione. Troviamo le esperienze comuni: l’innamoramento, la voglia di cambiare e di combattere, la voglia di riuscire, l’essere di aiuto . Il racconto si svolge tra un  presente nella New York della fine degli anni ’60 e un passato che inizia a Dresda, bombardata,  nel 1945.

L’ultimo di noi – conclusione

L’ultimo di noi è  quel romanzo che mentre lo stai leggendo non lo poseresti mai perché vorresti vedere subito come va a finire! Ottima scelta da portare in spiaggia sotto l’ombrellone. Attenzione  però se avete bambini piccoli da controllare, perchè potreste essere rapiti da questo romanzo e perderli di vista !
Non vi dirò altro…lascio a voi il gusto di scoprire cosa può legare un bombardamento del 1945 ad una New York del 1969. Buona lettura !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap